Italian   Change language
Login
mamaroma.ru
Pagine
Sezioni
Archivio
Photobank


01.09.2008
 

La citta Russa piu Italiana

Gli architetti italiani hanno lasciato una traccia indelebile nella costruzione della capitale nordica della Russia. I meravigliosi monumenti architettonici progettati da loro ed eretti a San Pietroburgo sono diventati famosi in tutto il mondo. A una delle vie centrali della città è stato dato il nome di Italiana.

Ma perché proprio lItalia? La risposta a questa domanda è semplice ed evidente. Chi, se non gli architetti italiani, ha inaugurato una nuova era nellarchitettura mondiale? Non a caso in ogni paese europeo si individuano facilmente le tracce dellinfluenza italiana.

San Pietroburgo non fa eccezione. I palazzi lussuosi e maestosi della zona centrale, i parchi e i complessi architettonici dei dintorni; tutto questo è prevalentemente opera di architetti italiani. Rastrelli, Rossi, Trezzini, Rinaldi, Quarenghi, Previtali, questi nomi li conosce chiunque che, almeno una volta, abbia visitato San Pietroburgo. Questi italiani hanno lasciato in eredità non soltanto maestosi palazzi, che hanno portato loro la fama mondiale, ma anche degli allievi che hanno continuato a lavorare conservando, con premura, le tradizioni avviate dai loro maestri. I legami della Russia con lItalia hanno una storia lontanissima. Già ai tempi del grande principe di Mosca Ivan III, nella capitale della Russia, arrivarono maestri italiani, ai quali fu dato lincarico di costruire fortezze, chiese e palazzi, di fondere cannoni e di coniare monete. La lingua russa, nelle sue diverse accezioni, rispecchia linflusso culturale di tante generazioni di italiani che hanno legato la loro sorte a quella della Russia.

Ma lapice dei rapporti culturali dei due paesi fu raggiunto dopo la fondazione di San Pietroburgo. Da più tre secoli la città è soprannominata la Venezia nordica. E la maestosa cattedrale di San Pietro a Roma avvicina San Pietroburgo alla capitale italiana, perché anche la città sulle sponde della Neva fu così chiamata in onore di San Pietro.

San Pietroburgo va considerata la città più italiana della Russia. Pietro I, che invitava volentieri al suo servizio degli stranieri, intuì perfettamente cosa serviva alla capitale in costruzione per ottenere lo splendore europeo. Dalla tanto amata Danimarca il monarca chiamò non uno qualsiasi, ma litaliano Domenico Trezzini. E questi, come anche i maestri dello zar Ivan III, ha iniziato dalle fortezze: ha eretto i primi forti di Kronstadt, che più tardi hanno avuto la denominazione di Dardanelli di Russia, e costruì la fortezza di Pietro e Paolo.

I monarchi russi che si sono succeduti seguirono saggiamente la traccia segnata da Pietro I della moda per gli architetti italiani. Antonio Rinaldi, arrivato in Russia alla metà del XVIII, diventò ai tempi di Caterina II il principale architetto di Pietroburgo. Il suo palazzo più importante è il Palazzo di Marmo. Con la strada aperta da Trezzini e Rinaldi in Russia accorsero altri loro compatrioti. Ognuno di loro lavorava senza fatica, come disse larchitetto che ha costruito il Palazzo dInverno, Bartolomeo Rastrelli per ununica gloria panrussa.

I maestri italiani tanto piacquero ai monarchi russi che limperatrice Caterina II così scriveva ad uno dei suoi cortigiani: Mi servirebbero due italiani perché abbiamo dei francesi che sono troppo istruiti e costruiscono case fatte male. Uno di questi due diventò larchitetto bergamasco di talento Giacomo Quarenghi, senza i cui portici è impossibile immaginare la capitale nordica.

Dopo Quarenghi e Trombara in Russia arrivarono Antonio Porto, che lavorava con lo stile del classicismo e Vincenzo Brenna, che ideò per il Paolo I un suo stile fantastico, semiclassico e semibarocco, che corrispondeva magistralmente allessenza del modo di governare di questo imperatore.

Alla fine del XVIII Pietroburgo acquisì un aspetto maestoso e bello. Lo stile architettonico dellinizio del secolo successivo fu chiamato classicismo alto, oppure ampère. Il suo più famoso e brillante rappresentante diventò Carlo Rossi. Grazie agli sforzi di questo grande architetto ottennero il loro volto definitivo le piazze del Palazzo dinverno e del Senato, furono creati i complessi Mihailovskij (piazza delle Arti) e Aleksandrinskij (piazza Ostrovskij) e delle vie adiacenti. Proprio questultimi hanno conferito al centro della città quel suo aspetto classico e coerente, che già da innumerevoli anni suscita lo stupore di tutti quelli che, per la prima volta, visitano la Venezia nordica.

Gli architetti italiani lasciarono una traccia indelebile nella storia dellarchitettura russa, allo stesso tempo, cambiarono letteralmente per tre volte il corso del suo sviluppo: a cavallo tra i secoli XV e XVI, allinizio e alla fine del XVIII. Si trattò di esportare nuove innovazioni tecniche, stili architettonici, ma soprattutto, si esportò in Russia, indirettamente, la bellezza dellarchitettura, uno tipo di scambio che favorisce senza dubbi chi importa!

Quattro busti dei grandi architetti italiani, dei costruttori della città sulla Neva: Quarenghi, Rossi, Rastrelli e Rinaldi, questo è stato il dono dellItalia in occasione del trecentesimo anniversario di San Pietroburgo. I busti sono stati realizzati, per volere degli Italiani, a San Pietroburgo. E magari in questa storia, con le sculture ideate in Italia ed eseguite in Russa, si rispecchia, come il sole in una goccia dacqua, tutta la storia della città sulla Neva. Una storia le cui pagine andrebbero scritte anche ai nostri giorni, perché i cesellatori italiani hanno grandi progetti per una collaborazione con la capitale nordica. È comprensibile: non è possibile separare la storia di Pietroburgo dallItalia!

Il Palazzo Italiano fu costruito allinizio del XVIII per la figlia di Pietro I, Anna, sulla riva sinistra del fiume Fontanka (nel luogo dove oggi si trova ledificio della Biblioteca Nazionale). Era destinato allo svolgimento di diverse assamblee dei nobili pietroburghesi. Il palazzo fu costruito su modello dei palazzi per il tempo libero italiani, ecco perché ha avuto il nome Italiano. In questo palazzo non abitava nessuno.

Italiano fu chiamato il giardino serra. Era situato dietro al Palazzo Italiano, in direzione ovest, fino alla via Znamenskaija (oggi via Vosstanija). Unaltra denominazione di questo giardino è quarto Giardino destate.

Via Italiana ha preso il nome dal Palazzo Italiano e passa tra il lungofiume del canale Griboedov e del fiume Fontanka. Allinizio del XIX fu chiamata Sadovo-Italiana e poi Grande Italiana. Nelledifico numero 11 visse proprio Carlo Rossi.

Via dellarchitetto Rossi, in onore di Carlo Rossi, va dalledificio del Teatro Aleksandrinskij a piazza Lomonossov. Questa via è unica, perché è composta da due edifici identici e crea limpressione di una sola grande sala da parata a cielo aperto. La larghezza della via è precisamente 22 metri, altrettanti metri sono dal marciapiede al tetto delledifico. La lunghezza della via è 220 metri.

Vicolo Quarenghi collega piazza Rastrelli con il passaggio di Smolny. Il vicolo ebbe il suo nome nel 1923; dalla metà del XVII fino al 1864 si chiamò vicolo Smolnij e dal 1864 al 1923 vicolo Dolgorukovskij.

 
In questa sezione
21.07Il primo costruttore della Palmira Nordica
01.07La lupa capitolina
01.07L'architetto preferito di Caterina la Grande
23.06Le lupe sul Tevere
23.06Il genio del barocco allepoca di Caterina
23.06La Grotta Rossa
01.12La lupa in giro per il mondo
01.12La mafia Siciliana. Sempre sazi e ubriachi
01.09La lupa capitolina
01.09Le lingue del papagalli parlanti
| | |